Fabbisogno in crescita

Cresce il disavanzo pubblico, ma non ci sono motivi di preoccupazione per i conti dello Stato e la differenza è da attribuire a motivi tecnici. Questo il contenuto della nota del ministero dell’Economia e delle finanze diffusa ieri. Secondo il ministero nel mese di agosto il disavanzo del settore statale ha toccato gli 8,9 miliardi di euro, contro un disavanzo di 5,084 miliardi dell'agosto del 2004. Nella nota si spiega che «nei primi otto mesi del 2005 il fabbisogno è stato complessivamente pari a circa 48,9 miliardi, mentre nell'analogo periodo del 2004 si era avuto un disavanzo di 45,451 miliardi. Il dato sul fabbisogno dei primi otto mesi dell'anno risulta compatibile» con l'obiettivo indicato nel documento di programmazione economica e finanziaria per il periodo 2006-2009.