Falciò 4 persone ed è gia libero Protesta a Cremona

«Certezza della pena oltre a più controlli sulle strade». È questo che l’altro ieri sera sera è stato chiesto nella fiaccolata che ha visto arrivare a Cremona oltre 2000 persone, nel ricordo dei quattro ragazzi morti nel recente incidente di Castelvetro Piacentino, travolti da un albanese ubriaco. In religioso silenzio, a sfilare c’erano sacerdoti, giovani, anziani, adulti, bambini. Tutti con fiaccole cartelli dai messaggi chiari: «È ora di reagire», «Vergogna», «Non c’è sicurezza». Poi interventi al gazebo allestito in piazza del comune. È qui che Elisa, che era fidanzata con una delle vittime, ha voluto dire a gran voce, riferendosi al responsabile della tragedia: «Possibile che il pm non abbia trovato i presupposti per un provvedimento di custodia cautelare?». Con lei Roberto Merli, papà bresciano che anni fa ha perso sulla strada suo figlio di 14 anni. Ha tuonato: «Alla persona che ha ucciso mio figlio hanno dato solo due mesi di sospensione della patente». L’albanese che ha ucciso i quattro amici a Castelvetro è già libero.