«Un fallimento pesante per chi lo ha promosso»

Formigoni: «I cittadini sono stati saggi e realisti»

«Non soltanto i promotori del referendum sono stati sconfitti, ma hanno anche registrato un pesante fallimento». Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, ha commentare così il mancato raggiungimento del quorum al referendum sulla procreazione assistita. «È la dimostrazione - ha proseguito - che una logica referendaria ad oltranza e il radicalismo di posizioni estremistiche non pagano. Gli italiani hanno dimostrato saggezza, buon senso, realismo, disertando una consultazione che era stata progettata con una forte volontà di contrapposizione nel tentativo, fallito, di portare i cittadini italiani su posizioni estranee rispetto alla loro storia e alla loro cultura. È stata sconfitta una visione ideologica e ha vinto invece una visione autentica dello spirito scientifico, della ricerca, della medicina».
Per Formigoni, però, «uno dei dati malinconici e negativi di questa campagna referendaria è stato l'atteggiamento sorprendente di esponenti della maggioranza e dello stesso governo che, dopo aver sostenuto e votato con la coalizione la legge 40, in un breve lasso di tempo, hanno voluto rinnegarla e avrebbero voluto profondamente trasformarla».

Annunci

Altri articoli