Fallisce l'ultimo colpo della Dandini:no al Caimano nel giorno del giudizio

Nel giorno in cui i pm di Milano hanno chiesto il giudizio immediato sul caso Ruby, la Dandini voleva trasmettere la scena finale del Caimano sul processo al Cav

Roma - La tecnica è sempre la stessa. Usare la Rai come megafono per attaccare il premier Silvio Berlusconi e fare propaganda politica. In questi giorni di trasmissioni infuocate, di tribuni pronti a lanciare nuovi movimenti anti Cav e di veline giudiziarie spiattellate in prima serata, anche Serana Dandini ci teneva a dare il proprio contributo per affondare il Caimano. Nel giorno in cui la procura di Milano ha chiesto al gip il giudizio immediato nei confronti del presidente del Consiglio per il caso Ruby, Parla con me voleva mandare in onda la versione integrale dell'ultima scena del film di Nanni Moretti.

Lo spezzone è ormai noto ai più. Ha già fatto polemica al suo tempo. L'intenzione della Dandini era quella di rinfescare la memoria al pubblico di RaiTre rimandando in onda la "celebre" sequenza del processo al Cavaliere (interpretato dallo stesso Moretti) che, lanciando il tribunale dopo esser stato condannato a sette anni di carcere, viene acclamato da una piccola folla che, mentre Berlusconi si allontana in macchina, lancia le bombe addosso ai magistrati.

La sequenza salta all'ultimo minuto Le immagini di Moretti erano forti già al cinema. Ritrasmesse in tempi bui per la giustizia italiano lo sarebbero stati ancora di più. Un attacco al premier che dev'essere sembrato davvero eccessivo al vicedirettore generale, Antonio Marano, che aveva chiesto di ridurre la scena da sette a tre minuti. Un taglio al quale Moretti si è subito opposto: o tutto o niente. Di qui la decisione della direzione di RaiTre, d’accordo con il regista ma anche con la Dandini e con tutto il team del programma, di non creare lo scontro e non mandare più in onda gli ultimi minuti del Caimano. RaiTre torna comunque alla carica: il film di Moretti deve andare in onda. Già nei giorni scorsi la direzione di rete aveva fatto sapere di voler trasmettere il film in prima serata. "Avevo proposto di trasmettere il Caimano sulla mia rete lunedì scorso - puntualizza il direttore di Rai3 Paolo Ruffini, interpellato sulla vicenda - continuo ad essere disponibile a mandarlo in onda in qualsiasi momento".

Assalto giudiziario e mediatico Mentre la procura di Milano affretta il procedimento chiedendo il rito immediato per far fuori Berlusconi, i tribuni della Rai hanno già processato il Cavaliere. Un vero e proprio assalto mediatico che va ad affiancare quello giudiziario. La Dandini voleva dare spazio a "un profetico commento di Moretti sulla situazione politica di oggi". D'altra parte, nell'offensiva a tutto campo contro il presidente del Consiglio tutto fa brodo, anche un vecchio film come il Caimano...