False fatture Truffano il Fisco anche i cinesi: evasi 300 milioni

C’erano 10 cartiere rigorosamente made in China dietro alla maxi truffa scoperta dalla Guardia di Finanza di Ferrara. Si tratta di 10 società cinesi, esistenti solo sulla carta con sede in Emilia Romagna, Toscana, Marche e Lombardia la cui unica attività consisteva nell’emettere fatture per operazioni inesistenti grazie alle quali venivano abbattuti i redditi tassabili. Grazie a queste false fatturazioni, ha ricostruito la Finanza, in circa 2 anni 1.200 imprese cinesi in tutta Italia hanno potuto sottrarre al fisco 250 mln di euro e hanno evaso 45 mln di Iva. Andrà anche chiarito il ruolo giocato da otto studi di commercialisti dove lavoravano cinesi di seconda generazione laureati in Italia che hanno fornito consulenze fiscali.