Falsificavano documenti e carte: tre ucraini finiscono in manette

Scoperta una banda di ucraini che clonava carte di credito e falsificava carte d’identità, passaporti e carte di circolazione. Uno dei tre, di 32 anni, è stato è stato processato per direttissima e condannato con rito abbreviato a 3 anni di reclusione. Gli agenti del reparto volanti hanno notato una Audi A6 in via Trionfale e hanno controllato i tre che avevano passaporti estoni, quando in realtà erano ucraini, molte carte adesive dove si appongono le firme per le carte di credito e due carte di circolazione false. Scatta così la perquisizione in un appartamento a La Storta, dove vengono trovati i passaporti e le carte d’identità, tutte con foto diverse, ma relative allo stesso ucraino.