Falso allarme bomba all’aeroporto di Miami

New York. Falso allarme ieri mattina all’aeroporto di Miami, in Florida. La polizia aveva fatto sgomberare un terminal a causa di odori sospetti, rilevati da un cane poliziotto, provenienti da uno dei bagagli dei passeggeri durante le normali operazioni di controllo. Gli accertamenti, ai quali hanno partecipato gli artificieri, sono durati circa un’ora e mezzo e hanno permesso di constatare che la valigia sospetta non conteneva nulla di pericoloso. Un allarme analogo era stato registrato qualche giorno fa nel piccolo aeroporto di Huntington, in West Virginia: lo scalo aveva dovuto essere evacuato dopo che una passeggera di origine pachistana era stata trovata in possesso di boccette di plastica con prodotti liquidi. Ma non era nulla che potesse causare esplosioni