Falso in bilancio, assolte Milan e Inter

Prosciolti dall'accusa, perché il fatto non costituisce reato, il
vicepresidente del Milan, Adriano Galliani, e due dirigenti dell’Inter, Rinaldo Ghelfi e Mauro
Gambaro

Milano - Il gup di Milano, Paola Di Lorenzo, ha prosciolto, perché il fatto non costituisce reato, il vicepresidente del Milan, Adriano Galliani, e due dirigenti dell’Inter, Rinaldo Ghelfi e Mauro Gambaro, dall’accusa di falso in bilancio. Cade, così, anche la presunta responsabilità oggettiva delle società Milan e Inter, alle quali era contestata la violazione della legge 231 del 2001, quella che impone alle aziende di predisporre modelli organizzativi atti a prevenire reati.