Una famiglia adotta bimbo in gestazione

Centosessanta euro al mese per 18 mesi serviranno per far crescere un bambino che altrimenti potrebbe non nascere. Anche la città di Albenga ha attivato un progetto «Gemma», nato dall’incontro tra l’operato del Centro Aiuto alla vita ingauno con l’esperienza delle adozioni a distanza. Si tratta in realtà dell’adozione di un bimbo non ancora nato, la cui mamma è al terzo mese di gravidanza. «Una famiglia di Albenga - spega Eraldo Ciangherotti presidente del Centro aiuto alla vita di Albenga e vicepresidente della federazione ligure del Movimento per la Vita -, verserà 160 euro al mese per 18 mesi. Il progetto garantisce alla mamma un aiuto economico per tutto il primo anno di vita del bambino. È sempre più frequente l’adesione di comunità, gruppi di amici o studenti, condomini, uffici pubblici e aziende private. capita spesso inoltre che l’adozione venga proposta come regalo in occasione di matrimoni, battesimi, compleanni o in memoria di un defunto. Noi ci auguriamo che questa sia la prima adozione di una lunga serie».Per ulteriori informazioni, il Centro Aiuto-Vita ingauno è in via Cavour, 2 ad Albenga e risponde al numero telefonico 334-97.47.885.