La famiglia che ha fatto fortuna con la sfortuna

Nel 1981 rilevò una parte dell’azienda dove lavorava e che era destinata alla chiusura. Esattamente il reparto che produceva corna, ferri di cavallo e amuleti vari. E nel giro di pochi anni, a Trezzano, l’ha trasformata in azienda leader nel mondo. Roberto Predan, friulano d’origine, ha così fatto «fortuna con la sfortuna» e ora inonda Napoli, ma anche Stati Uniti e Australia, con i suoi gobbetti, i quadrifogli, la mano cornuta, il gufo e la civetta, realizzati nel povero polistirolo o nella preziosa resina fenolica. Tutti amuleti rigorosamente rossi, tranne in un caso, quando la Lamborghini ordinò una grossa partita di corna. Ma nere. Scarlatte avrebbero fatto troppo Ferrari.