La famiglia De Benedictis «premia» quella liberale

La storia della lista Biasotti che perde i pezzi la stiamo raccontando in questi giorni. L’associazione «Momento Liberale», guidata da Beppe Damasio ha lasciato gli arancioni uscendo con i consiglieri municipali eletti dai gruppi di riferimento. Di eletti i liberali ne hanno due. Uno è Beppe Damasio, consigliere nella municipalità Medio Levante, l’altro è Massimo Alfieri che ricopre la stessa carica nel municipio Levante. La storia curiosa è che entrambi non sono entrati in Municipio di prima nomina ma per sostituire dei consiglieri che hanno lasciato l’incarico.
Cosa c’è di così curioso? Il fatto che i due della famiglia liberale sono stati chiamati in entrambi i casi a sostituire due elementi di un’altra famiglia. Ma non politica in questo caso, ma famiglia nel senso stretto del termine. Questo perché Beppe Damasio ha preso il posto di Franco De Benedictis che, primo degli eletti nel Municipio Medio Levante, optò per il ruolo di consigliere comunale, mentre Giuseppe Alfieri è entrato in consiglio solo un mese fa e per sostituire Isacco De Benedictis, figlio di Franco, che ha rinunciato per ragioni di lavoro che non gli permettevano un impegno costante. Così ora in famiglia c’è chi si straccia le vesti: «Gli amici della lista Biasotti- racconta Franco De Benedictis- ci stanno chiamando e ironizzano su di noi: dicono che è tutta colpa nostra. Sarà uno scherzo del destino ma se gli arancioni hanno perso due consiglieri la colpa è della nostra famiglia». Adesso padre e figlio aspettano una chiamata di Biasotti. Ci si augura per stemperare la tensione.