Family Day: una vigilia incandescente

Mentre il Papa dal Brasile invita ad avere "grande rispetto per l’istituzione del
matrimonio", il Family day fa
registrare una vigilia incandescente. Per la manifestazione a San Giovanni non si
placano polemiche, duelli, distinguo sia nel governo che nella
maggioranza

Roma - Mentre il Papa dal Brasile invita ad avere "grande rispetto per l’istituzione del Sacramento del matrimonio, grande dono che Dio ha fatto all’umanità", il Family day (leggi il programma della giornata) fa registrare una vigilia incandescente. Per la manifestazione a San Giovanni non si placano polemiche, duelli, distinguo sia nel governo che nella coalizione di maggioranza. Nell’altra metà del campo i promotori di "coraggio laico", che manifesta a Piazza Navona, chiedono maggiore informazione per la loro iniziativa. Il Guardasigilli Clemente Mastella a chi nella maggioranza lo critica per la sua partecipazione, domani, alla manifestazione per il Family day, replica: "se proprio vogliono sarei capace di dimettermi oggi da ministro e riprendere la carica lunedì". Il ministro conferma che domani andrà tra la gente,"con accanto mia moglie e la mia famiglia in coerenza con la mia posizione di sempre. Non ho firmato il programma dell’Unione sui Dico e non ho partecipato al Consiglio dei ministri in cui il tema - dice il ministro della Giustizia - veniva discusso".

L’ex Presidente della Repubblica Francesco Cossiga da settimane annuncia la sua presenza a San Giovanni dove conferma che ci sarà anche il senatore a vita Giulio Andreotti. "Partecipo perché sono romano, sono padre di famiglia, sono cattolico, credo -dice Andreotti- che sia una testimonianza, qualche cosa che riguarda un po' tutti". Il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini ritiene che "il Family day sarà un momento di libertà, di serenità, di gioia. Il messaggio indirizzato ai legislatori: aiutate le famiglie italiane, non lasciatele sole". Per Casini "quella piazza non dividerà gli italiani. È una piazza che li unisce profondamente perchè gran parte degli italiani crede a questi valori". L’europarlamentare del Pdci, Marco Rizzo, afferma: "Non sono certo i Dico i nemici della famiglia. La precarietà del lavoro è il vero diavolo che mina il futuro delle nuove generazioni".

Il coordinatore nazionale di Forza Italia, Sandro Bondi, auspica che Silvio Berlusconi sia presente domani in Piazza San Giovanni dove sarà probabile anche la partecipazione del Presidente di An, Gianfranco Fini che dice: "Il Family day è una manifestazione che dovrebbe essere concepita come a difesa della famiglia, al di là del fatto di essere laici o ossequiosi al dettato della Chiesa. È questo lo spirito con cui bisogna partecipare". Il ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro invita a non strumentalizzare le manifestazioni di domani ed afferma: "Siamo tutti figli di Maria. Il Family day è un inno alla famiglia e noi formuliamo gli auguri di una buona riuscita. Così come abbiamo a cuore il benessere e la felicità di chi decide di viveresenza essere sposato".