Fans Castro applaude lo spione: lezione agli States

Il paladino della trasparenza ha trovato un altro fan: Fidel Castro che la trasparenza al suo Paese l’ha cancellata da mezzo secolo. Paradossi della globalizzazione. «Julian Assange, un uomo quasi sconosciuto nel mondo fino a pochi mesi fa, ha messo in ginocchio gli Stati Uniti dimostrando che l’impero più potente di tutta la storia può essere sconfitto» ha scritto il líder máximo in un articolo. Assange però resta in galera. L’australiano uscirà se il giudice darà ragione a lui e non alle autorità di Stoccolma ma anche se i suoi legali avranno raccolto 200mila sterline in contanti, non una di meno. Forse sarà fuori per Natale: «Non vorrete fargli passare le feste in una cella dickensiana?», ha detto il suo avvocato Mark Stephens. Ma è corsa contro il tempo: oggi il capo di Wikileaks torna in aula presso l’Alta Corte di Giustizia per dare battaglia sul ricorso svedese contro la libertà su cauzione.