La fantasia dell’attore non ha limiti

Dal tendone di Zelig ai palchi di tutta Italia. Arriva questa sera nella capitale Gabriele Cirilli, inventore del tormentone dei tormentoni, quel «Chi è Tatiana?» che non si scolla dalla mente dei telespettatori. Cirilli porta in scena al Teatro Italia, nei pressi di piazza Bologna, lo spettacolo Donna Gabriella e i suoi figli, scritto a quattro mani con Maria de Luca, per la regia di Daniele Sala. Uno show con cui l’artista abruzzese ha deciso di sostenere Emergency, devolvendo parte del ricavato per l’acquisto di un tavolo operatorio ortopedico, che sarà destinato al centro chirurgico Ilaria Alpi di Battambang, in Cambogia. Il centro offre assistenza sanitaria, gratuita, alle vittime di guerra e ai pazienti, tra cui tanti bambini, che necessitano di interventi di chirurgica ortopedica, traumatologica e plastico-ricostruttiva.
In Donna Gabriella e i suoi figli, che sarà replicato fino alla metà di gennaio, la protagonista è una madre vecchio stile, che sul palco si lamenta, sospira e mugugna. Sente che la sua ora è giunta, ma ogni volta che si trova sul punto di esalare l’ultimo respiro ha un sussulto improvviso, si illumina e ritrova la forza. Momenti di vitalità in cui parla dei suoi tanti figli, fonte di grandi soddisfazioni ma anche di terribili patimenti.
Donna Gabriella altro non è che la metafora della fantasia di un attore, della sua capacità creativa e dell’ispirazione, capace di grandi voli come di rapide cadute. Uno spettacolo in cui Cirilli, attraverso monologhi completamente nuovi, cerca una contaminazione di stili, alternando momenti comici ad altri più riflessivi.
Nel corso dello spettacolo Donna Gabriella evoca anche gli storici personaggi di Cirilli, che compaiono in scena accompagnati dai loro tormentoni («Voglio torna’ bambino») e dalla musica dal vivo dei Flexus, giovane band di quattro elementi che proprio quest’anno ha pubblicato un mini-album con canzoni originali, dopo essersi dedicata al repertorio di Giorgio Gaber. Per l’occasione il comico di Sulmona, che ha studiato recitazione a Roma con Gigi Proietti, si svelerà finalmente al pubblico nell’inedita veste di cantante. Finora nessuno ha potuto apprezzare la sua voce da baritono: questa tournée è l’occasione per scoprire il talento nascosto dell’attore.
Teatro Italia, via Bari 18, fino al 14 gennaio. Info: 06.44239286.