La fantasia di Leon nel Genoa contro il Mantova

Una corsa contro il tempo per tesserare Leon, Carobbio e Masiello che già stasera contro il Mantova potrebbero vestire la casacca rossoblù. Nel frattempo, il presidente Preziosi perfeziona l’accordo-Criscito con la Juventus: il giovane talento genoano (oggi in comproprietà con la società bianconera) verrà ceduto definitivamente a giugno, in cambio di 7 milioni e mezzo di euro e metà cartellino di Masiello e Konko oltre alla duplice promessa di lasciare lo stesso Criscito ancora un anno al Genoa in caso di promozione in Serie A e concedere Paolucci (attaccante ora in forza all’Ascoli) in prestito.
Tornando al calcio giocato, il Genoa vuole presentare subito i suoi nuovi acquisti che di fatto sono stati aggregati ai 18 convocati. I numeri di maglia sono già stati assegnati, l’11 lo avrà l’honduregno l’unico dei tre che con l’arrivo del transfer giocherà titolare anche se ieri alle 19.30 il trasferimento non era ancora stato ufficializzato. Ma in società sono ottimisti. Leon è pronto ad esordire al fianco di Greco ed Adailton portando entusiasmo e fantasia in una formazione che vuole riprendere il filo del discorso dopo aver conquistato un solo punto in due gare a cavallo delle feste. Insomma, per Gasperini, in una partita che è già un mezzo crocevia per la stagione in attesa del bomber che ancora manca ma che è stato promesso con decisione da Enrico Preziosi, arrivano buone notizie anche perché contro la formazione di Di Carlo, gasatissima per il fresco successo sulla Juventus, riavrà di sicuro giocatori assenti da parecchio.
Il Genoa vero, nulla a che vedere con la squadra baby sconfitta a Pescara e che fece dichiarare al tecnico che sarebbe stato meglio non pensare alla promozione. Ma Gasperini alla serie A ci tiene eccome ed è per questo che la partita col Mantova vale molto anche perché subito dopo ci sarà un altro scontro diretto col Napoli. Rossi e Fabiano ritornano da lunghi infortuni, Adailton e Milanetto dalle squalifiche, mentre con Leon in campo Greco tornerà a fare la punta centrale all’inseguimento di un gol su azione che manca da troppo tempo. Da Mantova arriveranno 2000 tifosi, una specie di esodo per i virgiliani, e così a Marassi ci saranno non meno di 20mila spettatori. Una cornice da partita pesante che verrà diretta da Tagliavento di Terni. Arbitro non gradito ai tifosi rossoblù che non hanno certo dimenticato le nefandezze di Orsato, il killer di Pescara. Col Mantova conta vincere e poi arriverà il centravanti che ancora non c’è: in questo senso c’è da registrare lo stallo sull’operazione Bojinov che piace a Preziosi per il fatto che il bulgaro vorrebbe rimanere alla Juve, mentre Ventola non sarebbe intenzionato a scendere in serie B. Così ritornano d’attualità i nomi di Zampagna dell’Atalanta e quello di Floro Flores dell’Arezzo.