«Farò di Magenta la città della musica»

Dopo il rilancio del Teatro Lirico un liceo per musicisti

Il sogno del suo giovane sindaco, Luca del Gobbo, è quello di accreditare lo storico comune di Magenta, come «Città della Musica», rendendolo ancora di più punto di riferimento per tutta la provincia di Milano. E la città, protagonista di una delle pagine più importanti della storia dell’Unità d’Italia, che con la sua battaglia combattuta il 4 giugno del 1859 ha aperto le porte alla liberazione di Milano ed all’unificazione del nostro Paese, ha tutto le carte in regola per raggiungere tale obiettivo. Un Teatro Lirico di quasi 500 posti, ultracentenario e riportato agli antichi splendori grazie all’intervento dell’Amministrazione civica guidata da Del Gobbo con un cartellone sempre esaurito; 12 corali, un coro civico, un’orchestra «Città di Magenta» composta unicamente da professionisti, una prestigiosa fanfara dei Bersaglieri, recentemente ospite del Columbus Day di New York, e un Festival Jazz giunto alla sua nona edizione. «In cinque anni di governo – spiega il primo cittadino – abbiamo lavorato anche per raggiungere questo obiettivo che rende onore alla nostra città. Il prossimo sarà quello di un Liceo Musicale e di un piccola biblioteca della musica. Magenta ormai è conosciuta non solo per la sua storica Battaglia, ma anche (...)