Fariselli - Liguori dialoghi al piano

Lo Spazio Oberdan (via Vittorio Veneto, ore 21) ospita questa sera una tenzone molto attesa fra tre pianisti diversi per stile ed estrazione: Patrizio Fariselli, Gaetano Liguori e Maurizio Marsico. Ingresso libero. Domani alle 22 riapre il Doria Jazz Club (viale Doria 22) con un concerto di singolare importanza: è di scena il quartetto del sassofonista Claudio Fasoli con Mario Zara pianoforte, Yuri Goloubev contrabbasso e Marco Zanoli batteria. L'appuntamento, che ospita uno dei migliori gruppi italiani, segna un'ulteriore apertura del club, fin qui riservato al jazz tradizionale, verso il jazz moderno e contemporaneo. Giovedì si ritorna alla Swing Era con la voce di Ray Martino accompagnato dal quartetto del clarinettista e sassofonista Paolo Tomelleri. Domani alle 22, presso la Fondazione Mudima in via Tadino 26 (ore 21), il gruppo Sentieri Selvaggi propone una prima assoluta di Roberto Andreoni, una prima italiana di Aaron Jay Kernis e un brano di Carlo Galante. La Salumeria della Musica dedica al jazz le sere di mercoledì e di giovedì, rispettivamente alle 22.30 e alle 23. Suonano la Big Band di Tomelleri e il trio del chitarrista Luca Meneghello. È opportuno ricordare che i 18 elementi dell'orchestra sono tutti di alto livello, e che fra loro figurano, oltre al leader, solisti di valore internazionale come Emilio Soana, Rudi Migliardi, Paolo Alderighi e Sergio Farina. Venerdi alle Scimmie, con inizio alle 22.30, si esibisce un virtuoso assoluto di mandolino e chitarra, Aco Bocina: è un'occasione da non perdere.