Farmacisti critici con Albertini

«L’atteggiamento di Albertini denota una mentalità arrogante». I farmacisti milanesi non prendono bene le parole del sindaco che considera non chiusa la questione della privatizzazione delle farmacie, nonostante la sentenza del Consiglio di Stato che ha annullato la gara con cui Palazzo Marino aveva affidato alla Gehe la gestione dell’80% delle 84 farmacie comunali. In un’intervista al Sole 24 ore, il primo cittadino è stato netto: Palazzo Marino attende il verdetto della Commissione europea, ma è sicuro che i farmacisti non possano aspirare a gestire le farmacie comunali per incompatibilità rilevata dalla Corte Costituzionale. Secondo Paolo Gradnik, presidente lombardo di Federfarma, «se si intende confermare la privatizzazione le farmacie devono essere equiparate in modo da dare a tutte la possibilità di concorrere».