La Farnesina: non andare nelle zone a rischio

Roma - Si sconsigliano viaggi che non siano improrogabili nelle zone del Messico dove sono stati registrati i casi di febbre che sui media viene indicata come influenza da suini. È quanto è scritto nella sezione Avvisi particolari del sito della Farnesina "Viaggiare sicuri". «Nelle ultime settimane si è registrato in Messico un aumento di casi di influenza acuta di origine non ancora definita particolarmente concentrati nella capitale Città del Messico», si rileva nel sito ’viaggiare sicurì, precisando che «casi isolati dell’infermità si sono registrati anche negli stati di Sonora, Baja California, Stato del Messico e Oaxaca». «A meno di motivi improrogabili si consiglia ai viaggiatori che intendano recarsi nelle zone sopra indicate di rinviare i propri programmi di viaggio in attesa che la situazione sanitaria locale torni alla normalità», sottolinea ancora il sito, rilevando infine che «per evitare il contagio, alla popolazione è stato raccomandato di evitare la frequentazione di luoghi pubblici, di porre particolare attenzione nella cura dell’igiene personale e di accede a strutture sanitarie in presenza di sintomi influenzali».