Una farsa per Feydeau

Un classico della farsa per la compagnia «La gaffe» che festeggia i trent’anni di attività. Da questa sera al teatro San Genesio in scena con Occupati di Amelia, una delle opere più note di Georges Feydeau. Ennesimo capolavoro degli equivoci in un teatro giocato sempre sul malinteso e sul tradimento mescolati ad eventi assurdi che scatenano situazioni paradossali, in cui i personaggi vengono coinvolti in innumerevoli colpi di scena al limite della realtà. Anche in Occupati di Amelia ritorna il collaudato meccanismo ad orologeria della più tipica commedia degli equivoci intorno al quale ruotano la graziosa cocotte e i suoi amanti, con un contorno di parenti improbabili, ricconi che vengono dall’Olanda e principi slavi, tra salotti eleganti, letti a baldacchino e un matrimonio «che s’ha da fare». Nella parte di Amelia c’è Alessandra Serra, il suo tutore è Mauro Utzeri, tra gli altri Lorenzo Confessore, Daniela Piccioni, Pierpaolo Montana, Gabriella Lotti, Massimo Della Camera. La regia è di Paola Ronga. Prima questa sera alle 20.45, repliche fino a domenica 25 marzo.