Fassino su An: «È come il lupo, perde il pelo...»

Per il segretario dei Ds, Piero Fassino, Alleanza nazionale «è come il lupo, che perde il pelo ma non il vizio». Lo ha detto ieri sera al Palalido di Milano intervenendo ad un comizio elettorale insieme ala candidato premier per l’Unione Romano Prodi a proposito della fiaccolata che si stava svolgendo in contemporanea in corso Buenos Aires. «Negli ultimi mesi - ha insistito il leader della Quercia - ci sono state parecchie ombre sull'imperturbabilità di Fini e del suo partito». Fassino ha infatti ricordato «un ministro indagato per finanziamenti illeciti, che è anche candidato a sindaco di Roma», un altro ministro «coinvolto in una vicenda di spionaggio», un sottosegretario «oggetto di indagini» e stasera «atteggiamenti strumentali di fronte alla vicenda di Milano».
Insomma, per Fassino, «Fini ed An dovrebbero riflettere di più, visto che hanno passato anni per affrancarsi dall'immagine di estremismo».