«Fate Veloci» E un manuale insegna come istruirle

«I nostri vecchi sono come i bauli: un po’ ingombranti, pesanti da spostare. Ma se guardiamo dentro scopriamo tante belle cose». Maria Grazia Cocchetti è partita da qui per scrivere il suo manuale. Dai nonni, dalle madri, dai padri più anziani. Ma anche dai figli incastrati nei tempi e nei ritmi dell’era globalizzata, sempre con i nervi a fior di pelle e con i minuti contati. Si intitola «Fate veloci: guida pratica per istruire colf, badanti e baby sitter» (Mondadori, 16 euro). Perché assumere un’aiutante, quasi sempre straniera, è un momento delicato e decisivo. E perché la domanda è tanta e la concorrenza feroce: non si può sbagliare. Dove trovarla, come farle il colloquio, come gestire la convivenza fin dal primo giorno. Dentro c’è di tutto: come insegnarle a rispondere al telefono, a fare la spesa, ad apparecchiare la tavola e a cucinare secondo le nostre abitudini, con le ricette base della cucina italiana. Come guidarla a gestire acquisti in farmacia ed emergenze mediche, a spedire una raccomandata, pagare un bollettino. E poi le faccende domestiche, con consigli pratici per semplificare e velocizzare le pulizie e il bucato, ma anche indicazioni per un’educazione alla sicurezza domestica e alla salvaguardia dell’ambiente, dalla raccolta differenziata al risparmio energetico. Non manca il vademecum per affrontare tutte le questioni sindacali e burocratiche che questi rapporti di lavoro comportano. Se avete problemi con la lingua nessun problema: c’è una sezione tradotta in cinque lingue (filippino, spagnolo, russo, romeno, albanese). Dopo di che potete stare più tranquilli: il baule è in buone mani...