Fatto il decreto la B non ci sta Serrata in vista

É stato approvato dal consiglio dei ministri il decreto legislativo sulla vendita e ripartizione collettiva dei diritti tv (mutualità della serie A verso la B e la C destinando una quota annua non inferiore al 6% delle risorse Tv). Secondo il ministro Melandri il decreto «è la lenzuolata del calcio che modernizza questo settore». Invece secondo Giorgio Lugaresi, presidente del Cesena, e vicepresidente della Lega per la B, «i discorsi del ministro sono superficiali. La vendita collettiva nella forma prevista ucciderà le società più deboli. Siamo infuriati e pronti alla serrata». Convocata un’assemblea di lega per venerdì. Le nuove norme entreranno in vigore dal campionato 2010-2011.