Le fattorie dove si vendemmia e si fa il pane

Gli apicoltori illustrano i segreti delle api: c’è chi usa il veleno per curarsi

Raffaella Regina

Una giornata all'aperto, imparando dagli esperti i segreti dell'uva, del pane e del miele. Con la possibilità di conoscere le api e magari scoprire che anche il loro veleno fa bene. Domenica sarà possibile apprendere e sperimentare tutti i segreti del fattore prenotando una visita in una delle 58 fattorie e agriturismi che aderiscono all'iniziativa «Fattorie didattiche a porte aperte».
Tante le aziende che organizzano veri e propri percorsi alla scoperta della natura e degli animali. Per esempio la società agricola Luca Nozza, che si trova a Fara Gera d'Adda in via Reseghetti 698, porterà i suoi ospiti alla scoperta della natura, si tratterà di un vero e proprio approccio sensoriale, visto che tutti i partecipanti potranno dare il cibo agli animali e interagire con loro. Le visite avranno inizio alle 11 per il primo gruppo e alle 14 per il secondo. Grandi e piccini potranno fare il battesimo della sella e partecipare ad un curioso torneo ispirato al Quiddrich di Harry Potter a cavallo di scope.
Nella Tenuta degli Angeli, a Carrobbio degli Angeli (Bergamo) in via Fara 2, i vinicoltori spiegheranno il processi di produzione dell'aceto balsamico. Si potrà scoprire la funzione delle batterie composte da botticelle costruite con diversi tipi di legno: di frassino, di rovere, di ciliegio o di castagno, tutti cedono aromi differenti all'aceto. E sarà possibile degustarne alcuni davvero prelibati invecchiati fino a 28 anni. Sempre in tema di vini l'azienda agricola Mosconi, a Petosino di Sorrisole in via Valli 20, offrirà dalle 10 la possibilità di seguire le varie fasi della vendemmia: dalla raccolta dell'uva alla pigiatura che verrà eseguita con l'aiuto degli esperti rispettano l'antica tradizione, e cioè schiacciando gli acini con i piedi. Una ricca colazione di benvenuto offerta dall'azienda con prodotti artigianali darà inizio alla «festa» e poi dritti verso il laboratorio del pane. Naturalmente tutte le attività saranno svolte all'aria aperta. Nel pomeriggio una visita alla fattoria con il bestiame e poi la passeggiata nel bosco per conludere la giornata a contatto con la flora e la fauna del bergamasco.
Per tutti coloro che adorano il miele e i prodotti delle api, invece, c'è l'iniziativa organizzata dagli apicoltori dell'Apicoltura Grisa, a Begamo in via Grumellina 26. Dalle 10 si potranno osservare le api analizzando il loro modo di comunicare tra loro. Da qui i visitatori potranno scoprire i prodotti di questi insetti dalle infinite potenzialità: oltre al miele e alla cera anche propoli e addirittura il pungiglione, tanto temuto eppure altrettanto utile. Molte persone vengono qui, sotto il consiglio di medici esperti, per farsi pungere dalle api, il loro veleno pare sia molto utile per curare i dolori di tipo artritico. Da non dimenticare una delle funzioni più importanti e cioè quella dell'impollinazione, che verrà anch'essa sondata. Ma non sono solo queste le sorprese e le scoperte che si potranno sperimentare in questa domenica d'inizio autunno. Tutti gli agriturismo oggi saranno aperti (l'elenco completo è disponibile sul sito www.buonalombardia.it che contiene tutte le informazioni riguardanti costi e numeri di telefono) e pronti ad ospitare il maggior numero di visitatori possibile. Con la speranza che, prima o poi, sempre più gente si accorga del grande valore e della grande soddisfazione che deriva dalla natura e dai suoi più puri prodotti.