Fave e salame: a Sant’Olcese è l’ora della sagra

Oggi la tradizionale fiera. Venerdì via alla festa di S. Zita, martedì piatti tipici a Sori e Bogliasco

Dagli esperti del meteo arrivano notizie più che rassicuranti: «Su tutta la Liguria ci sarà tempo stabile, con cielo sereno velato al massimo da qualche nuvola, almeno fino a domenica». L’aiuto giusto per approfittare dei giorni di festa per qualche scampagnata con visita alle sagre.
Dalle 12 alle 19 di oggi torna la tradizionale sagra di fave e salame di Sant’Olcese. Il Comune e la parrocchia, in collaborazione con i gruppi locali del volontariato, distribuiranno quintali di fave e il tradizionale salame di Sant’Olcese. L’appuntamento è al locale Circolo Acli in frazione Sant’Olcese Chiesa. L’invito a partecipare «a una festa che è parte della nostra tradizione» arriva dal primo cittadino, Angelo Cassissa.
Numerosi sono poi gli appuntamenti organizzati dalla parrocchia e dalla confraternita di Santa Zita a Genova. «L’antica festa di Santa Zita negli ultimi anni si era ridotta alla fiera mercato, perdendo quel senso religioso e popolare che per secoli aveva avuto» racconta il priore della confraternita dalla storia quasi millenaria. Il programma, quest’anno, è stato per questo arricchito con diverse iniziative, fra il sacro e il divertimento.
Si comincia venerdì, 27 aprile, con la messa delle 17.30 con i canti gregoriani seguita dal concerto di canti genovesi del gruppo folk Zenantiga de A Compagna. Domenica, dalle 10 alle 14 e dalle 17 alle 21, focaccia al formaggio di Recco negli spazi vicini alla chiesa e tradizionale fiera mercato nelle vie del quartiere.
Da venerdì a domenica, l’offerta di fiori benedetti di Santa Zita. La festa di Santa Zita continua il fine settimana successivo, con la messa di sabato 5 maggio (alle 16.30) e la processione delle strade del quartiere. Lunedì 7 maggio alle 21, nel teatrino parrocchiale, spettacolo dialettale «Colpi di fulmine» (ingresso gratuito) con la compagnia Nuova filodrammatica i Villezzanti.
Doppio appuntamento gastronomico infine per il primo maggio. A Capreno di Sori, residenti e turisti potranno assaggiare ravioli e focaccette. A San Bernardo di Bogliasco si terrà invece la sagra delle fave da gustare insieme al salame.
Gli appassionati della tintarella prenderanno d’assolto le spiagge di tutta la Liguria. I più temerari hanno approfittato della temperatura più calda del normale per lanciarsi nei primi bagni di stagione. Qualche macchia gialla nell’acqua è stata segnalata a Levante. «Si tratta di pollini - ha spiegato l’Arpal-. Non sono alghe pericolose per i bagnanti».