La favola corre sul ghiaccio con le principesse di Disney

Da 28 anni convivono nello stesso castello e sono ben sette, tutte principesse. Eppure notizie di intemperanze, litigi, mugugni o crisi non se ne hanno. Sembra una favola? Lo è infatti. L'ha pensata Walt Disney negli anni, dando vita alla galleria delle sue «donne» più famose. Tenere ed immortali. Fascinose e semplici. Da Cenerentola a Biancaneve, da Mulan a Jasmine, da Ariel ad Aurora a Belle, c'è voluto l'ingegno di Feld Enterteinment per creare la favola globale di «Disney on Ice: Princess», pensata ormai nel 1981, come seconda puntata dopo il successo de «Il Magico mondo di Topolino». La nuova fiaba sul ghiaccio, con un cast di 46 pattinatori professionisti, ha già fatto il giro del mondo ed ora è sbarcata in Italia, a cura di Applauso, con le tappe di Milano, Roma e Torino. Sotto la Madonnina le vezzose altezze reali hanno trovato casa al Palasharp (MM linea 1 Lampugnano, tel. 02-33400551, palasharp.gruppotogni.it) e vi resteranno da stasera fino al 22 marzo (alle 19) con due repliche venerdì (17 e 20.45) che diventano tre nel fine settimana (alle 11, 15 e 19). I momenti più emozionanti delle loro storie, che ci hanno accompagnato per oltre sette decenni, si combinano in un'unica magica esperienza. Dirimpettaie, coinquiline dello stesso «immobile di pregio», un castello di ben tre piani, le loro avventure si dipanano in un medley di fantasia ed atmosfera, piroette e virtuosismi atletici. Rigorosamente a fil di lama. «Questa - spiega il produttore, Ermes Bonini - è una fiaba sul trionfo del bene sul male grazie alla magica fusione di speranza, amore e simpatia, raccontata attraverso gli occhi delle sette principesse». A Milano è ormai quasi primavera, ma il tempo delle fiabe e l'amore per la magia degli spettacoli sul ghiaccio sembrano non tramontare con la bella stagione: «La pista - prosegue il produttore - si trasforma in un paese incantato, dominato da un castello che muta per ospitare di volta in volta l'avventura di una nuova principessa». Ad aprire le danze è Cenerentola, ormai felice ed accasata col suo principe. Jasmine ha ancora qualche problema con Aladdin nel guazzabuglio orientale delle notti di Agrabah. Ancora più ad Oriente ecco la Cina di Mulan, che poi si tuffa «in fondo al mar», nel regno di Ariel, la sirenetta. Fino alle due avventure, manifesto per eccellenza, dell'amore secondo Disney, con Aurora, «bella addormentata nel bosco» e Belle, insieme con la sua «Bestia» tanto goffa e riottosa quanto innamorata. Le coreografie sono di Tom Dickson e Catarina Lindgren, che fanno danzare principesse e consorti sulle note di colonne sonore (rigorosamente) Disney. Come in tutte le fiabe, però, non poteva mancare il colpo di scena: ed ecco all'improvviso arrivare una nuova aspirante inquilina del castello. «Abbiamo pensato - conclude il produttore - di aggiungere un personaggio». È Trilli, l'eccentrica fatina di «Peter Pan». Per ora il suo personaggio è solo abbozzato, ma si sa, le più belle fiabe non finiscono mai. Per chi ami la fiaba nella fiaba, la favola continua anche fra il pubblico dato che stasera, alla prima nazionale al Palasharp, fra gli ospiti saranno anche alcuni giocatori del Milan e personaggi dello spettacolo vicini al mondo Disney, mentre domani, per par condicio, porte aperte ai nerazzurri con i giocatori dell'Inter che accompagneranno i loro figli ma non si sottrarranno al compito di fare foto e firmare autografi per i loro fan.