Una «favolosa» domenica con Cenerentola e i Colla

A prescindere dal fatto che tutti hanno diritto di sognare, chi l’ha detto che le fiabe sono territorio esclusivo dei bambini? Per sfatare il pregiudizio basterebbe approfittare di alcuni spettacoli in corso in questi giorni e che sono una perfetta occasione per una domenica adattissima a tutta la famiglia. Bella occasione, anche per chi ama il teatro, quella offerta dal Crt di viale Alemagna (accanto alla Triennale) che oggi mette in scena due «must» dell’nfanzia come Biancaneve e Cenerentola ma opportunamente rivisitati dalla regista palermitana Emma Dante. Alle 11 sarà la volta della celebre amica dei sette nani alle prese con «Gli alti e bassi», ovvero una esilarante e dissacrante interpretazione in vernacolo siciliano, con la regina cattiva in lotta con un atletico specchio, un guardiacaccia in versione Cosa nostra e un principe azzurro formato vacanze a Ibiza. Alle 17.30, sullo stesso palco, sarà la volta di Cenerentola, sguattera ostaggio delle sorellastre Anastasia e Genoveffa, sciatte e sboccate in casa quanto raffinate e sensibili con l’alta società. Il tutto su una scena minimalista dove, aldilà dei ritratti paradossali e delle invettive dialettali, resta salvo il contesto ludico che coinvolge interattivamente il pubblico infantile, ma allo stesso tempo il gioco linguistico lascia trapelare una visione del mondo dominato dall’ipocrisia. Di fiaba in fiaba, gli appassionati dell’arte marionettistica potranno avere oggi l’occasione per visitare l’Atelier di Carlo Colla e Figli (via Montegani, 35 / 1) che oggi alle 16 (ma per tutto il mese) mettono in scena le avventure del più famoso dei felini. Parliamo del Gatto con gli stivali, favola che compie un secolo e che risente del gusto dell’epoca verista dell’operetta; nell’edizione dei Colla, la fiaba di Perrault viene presentata nella forma della féerie, ovvero con le parti recitate alternate alle parti cantate e alle parti musicali. Sempre dedicato alle famiglie l’appuntamento domenicale con Piccolo Grande Cinema nella sala Alda Merini della Cineteca (via Vittorio Veneto 2), dove alle 15 verrà proiettato il film «La guerra dei bottoni» di Yves Robert. La storia racconta la rivalità esistente tra due villaggi della campagna francese, Longeverne e Veltrans, che si riflette sugli abitanti più giovani che giocano a una guerra tra di loro, nella quale chi è fatto prigioniero viene privato dei bottoni. Per i più... secchioncelli il Teatro Studio di via Rivoli 6 propone alle 10 e alle 11.30 l'affascinante racconto dell'Odissea affidato al novello cantastorie Flavio Albanese, che dello spettacolo cura anche l'allestimento. Lo spettacolo è un'inedita versione del viaggio di Ulisse filtrata dalle voci degli attori e dal gioco magico del teatro d'ombre, realizzato con la collaborazione del Teatro Gioco Vita. Un viaggio che comincia con una battaglia furiosa, la famosa guerra di Troia,che sarà combattuta e vinta dai Greci proprio grazie a un'astuzia di Ulisse. Ancora per oggi, ultima replica al TeatroNuovo, di uno dei personaggi dei cartoon più amato: la reginetta delle montagne Heidi, in versione musical. Il progetto è frutto della fantasia di Maurizio Colombi (musichedi Giovanni Maria Lorie coreografie di ChiaraValli), già apprezzato regista di «PeterPan-Il Musical», che ripropone qui la storia della piccola montanara svizzera insieme a tutti i personaggi diventati celebri grazie al cartone animato degli anni '70: Peter e il Nonno, la zia Dete, Clara e il suo papà, il San Bernardo Nebbia, fino a una buffa Signorina Rottenmeier.