Per favore, il Toro dell’anno scorso no

No, per favore. Il Toro dell’anno scorso no. Poche idee e confuse, un Rosina che girava a vuoto, a tratti anche fastidioso, e poi Bianchi servito poco e male (ma quel fuorigioco, mmm...). Tutto per quella frittata di Di Loreto, che taglia morale e gambe prima dell’intervallo. Meno male che c’è Amoruso a regalare sprazzi di Toro a tutto campo e riscaldare i tifosi, isolati in un pezzo di curva e ignorati dagli amaranto. Purtroppo il gemellaggio tra i due club è finito per colpa di uno striscione del Toro (dei Ragazzi della Maratona) regalato agli ultrà reggini del Cucn e rubato dai gobbi durante una capatina a Reggio Calabria. Fine di un amore iniziato nel ’99, quando la Reggina vinse 2 a 1 al Delle Alpi e conquistò la serie A. Succede. Alla fine il punticino fa classifica (ne mancano ancora 36 alla salvezza) e toglie qualche castagna dal fuoco a Gianni De Biasi. La pausa della Nazionale ha forse tolto un po’ di concentrazione ma è servita a svuotare l’infermeria. A proposito di azzurro: se Pratali è stato decisivo, Sereni è stato strepitoso come sempre. La sua ennesima esclusione dal giro della Nazionale è uno di quei misteri gloriosi del calcio che nessuno sa spiegare. Ma Lippi ce l’ha Sky?