Favrin: l’obiettivo non è il delisting

L’Opa su Jolly Hotels

L'Opa obbligatoria di Joker Partecipazioni su Jolly Hotels non punta al delisting della società. Lo ha affermato il numero uno di Marzotto e da mercoledì consigliere di Jolly Hotels, Antonio Favrin, alleato con la famiglia Zanuso per blindare oltre il 50% di Jolly Hotels lanciando un’Opa a 7,7 euro per azione, inferiore ai prezzi di mercato. «Siamo convinti che questo piano di sviluppo darà soddisfazione agli azionisti. Il mio consiglio agli azionisti è di non vendere le azioni ma di stare con noi. Non vogliamo prendere le azioni del mercato» ha spiegato Favrin. Resta il nodo dei rapporti con gli spagnoli di Nh Hoteles, anch’essi soci con circa il 20,7% di Jolly Hotels. Favrin ha affermato: «Penso che loro siano più scomodi di noi nell’azionariato, con il 20% non si può comandare». Rispondendo in merito all’ipotesi di una contro-Opa che potrebbe essere lanciata proprio dagli spagnoli, Favrin ha risposto: «Staremo a vedere».