«Fazio mi chiese di intervenire»

Sarebbe stato l’ex governatore di Bankitalia, Antonio Fazio, a incaricare Gianpiero Fiorani di sostenere il contropatto di Bnl, di cui facevano parte gli immobiliaristi guidati da Francesco Gaetano Caltagirone. Il motivo? Fazio «non si fidava troppo dei contropattisti». Questa la versione fornita ieri in aula dall'ex ad della Popolare italiana Gianpiero Fiorani, nella quarta udienza dell'incidente probatorio sulla vicenda Antonveneta. Fiorani ha parlato a lungo di Giovanni Consorte e, in sostanza, ne ha confermato la tesi difensiva. La scalata di Unipol a Bnl fu progettata a giugno del 2005 (ma secondo la Consob il concerto risalirebbe a molto tempo prima) e, ha riferito ancora Fiorani, avvenne in modo trasparente dal momento che Consob e Bankitalia ne vennero costantemente tenute informate.