La febbre del sabato sera contagia Milano

Una vecchia auto decappottabile con a bordo quattro giovani in perfetto stile Happy Days scorrazza in piazza Cadorna. Poco più in là, in corso Vittorio Emanuele, lo shopping del sabato pomeriggio è accompagnato dalla musica di Renato Zero e Gloria Gaynor. È la Movida, la notte bianca degli anni Settanta organizzata dal Comune. Tutta la città - da piazza Duomo a corso Como, piazza Affari e piazza Santo Stefano - è immersa in un’atmosfera di festa: giochi da tavolo dimenticati, discoteche all’aria aperta con il meglio della Dance music, maxi schermi che mandano in onda vecchi filmati e pubblicità.
La festa comincia alle nove del mattino. In corso Vittorio Emanuele ci sono oltre dieci tavoli allestiti con vecchi giochi di società: Risiko, Monopoli, Scarabeo e il mitico cibo di Rubik, tanto per citarne qualcuno. «Per tutta la giornata c’è stata grande partecipazione - spiega il coordinatore eventi dell’Accademia del gioco dimenticato, Claudio Procapio -. I giochi, tutti in voga negli anni Settanta, attirano molte persone, anche perché la maggior parte di essi non è più in commercio».
Complice la bella giornata di sole, la prima giornata di Movida ha avuto un gran successo. La discoteca allestita in piazza Liberty è stata presa d’assalto, fin dalle prime ore del pomeriggio, da appassionati e curiosi, che al ritmo di «Wmca» dei Village People hanno ballato e cantato fino a notte fonda. Nella Galleria del Corso, invece, in tanti hanno deciso di truccarsi e travestirsi in perfetto stile anni Settanta. «Tante persone, soprattutto giovani, sono state al gioco - racconta Fulvio Furcas, parrucchiere -. I personaggi più richiesti sono i Kiss e Raffaella Carrà. E poi un giovanissimo Jimi Hendrix di appena sei mesi». Il clou della serata è stato, però, il concerto di piazza Duomo: sul palco si sono esibiti Sister Sledge e Kool and the Gang, presentati da Red Ronnie. Nella notte dedicata ai mitici Settanta non potevano mancare telefilm indimenticabili, come Happy Days, Charlie’s Angels, Lupin III e Starsky & Hutch. Una vera e propria maratona - ospitata all’Apollo spazio cinema -, cominciata alle 22.30 e terminata alle 4 del mattino. D’obbligo anche il cabaret del Derby, portato in scena da Teo Teocoli e Mario Lavezzi. Per gli amanti delle feste, infine, sfilate e musica hanno animato la notte di corso Como.