Federalismo, Bossi a colloquio con Napolitano "Riferiremo alle Camere la prossima settimana"

Bossi, accompagnato da Calderoli, è salito al Quirinale per parlare con il Capo dello Stato: l'incontro è durato poco più di un'ora. Si è discusso del tragitto previsto per il
federalismo fiscale che vedrà i ministri interessati riferire alle Camere a partire dalla prossima settimana

Roma - Il ministro per le Riforme, Umberto Bossi, ha incontrato il Capo dello Stato Giorgio Napolitano per parlare della riforma sul federalismo fiscale. Insieme al leader della Lega è salito al Colle anche il ministro per la Semplificazione normativa, Roberto Calderoli. L’incontro - definito lungo e cordiale in una nota dell'ufficio stampa del Senatùr - è durato poco più di un’ora.

Riferiremo in parlamento "Durante il colloquio si è discusso - prosegue la nota - del tragitto previsto per il federalismo fiscale che li vedrà riferire alle Camere a partire dalla prossima settimana".

Premier annuncia la fiducia Alla Camera verrà posta la questione di fiducia sul decreto sul federalismo fiscale municipale. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nel corso della conferenza stampa a Palazzo Chigi. "Abbiamo deciso oggi in consiglio dei ministri la posizione della fiducia. Porremo la fiducia alla Camera e non la porremo al Senato, quindi siamo assolutamente tranquilli di avere una maggioranza che ci consente di governare".

Sbloccare lo stallo Il ministro per la semplificazione Roberto Calderoli ha sottolineato che il Cdm ha approvato le osservazioni che l’esecutivo presenterà alle Camere per sbloccare il provvedimento dopo lo stallo dovuto al pareggio in Bicameralina e i rilievi del capo dello Stato. Il Cdm ha approvato "le osservazioni fatte al nuovo testo da trasmettere alle Camere - ha detto Calderoli -: abbiamo preso contatto con il Senato e con la Camera per andare a dare comunicazioni rispetto al cammino del federalismo fiscale".