Federalismo, Tremonti: "Ci riallinea all'Europa"

Il ministro dell'Economia sul federalismo fiscale: "Ci riallinea alla Ue e crea responsabilità. E' una
radicale modifica. Noi siamo l’unico Paese che ha solo la finanza centrale&quot;<br />

Roma - Il federalismo fiscale "ci riallinea con l’Europa, crea responsabilità perchè non è possibile continuare con la droga del debito pubblico". Ad affermarlo il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, in occasione della convention a Orvieto organizzata da Gianni Alemanno. "Serve un grande cambiamento e io - dice il ministro - credo il federalismo sia la via giusta". Il federalismo, sottolinea Tremonti, "è una radicale modifica della struttura italiana. Noi siamo l’unico Paese Ue che ha solo la finanza centrale. In Italia la finanza locale ha soltanto l’apparenza: le tasse le paghi al governo non le paghi al sindaco".

Governi locali e debito pubblico Da quanto "tutte le tasse sono passate al centro - spiega il ministro - l’Italia è diventata un Paese che ha cominciato a fabbricare debito pubblico. Non avremmo avuto il debito che abbiamo se non ci fossero state queste politiche" negli anni passati. Secondo Tremonti "se hai tutte le responsabilità al centro non esiste un governo centrale che regge tutte le pressioni. La finanza pubblica italiana - prosegue - è quella di un albero storto dove molte dinamiche sono fuori controllo". Tremonti, inoltre, critica la tendenza verso il mercato di molti governi locali. "Moltissimi governi locali si sono societarizzati e non solo al Sud. Ma - conclude - ha senso questa tendenza dei governi locali verso il mercato?".