Federer-Nadal, atto terzo a Parigi

Il Roland Garros ripropone la sfida del numero uno del tennis al re della terra battuta. L’Italia punta sulla Schiavone

Lea Pericoli

A Roger Federer è stato consegnato a Barcellona il premio più prestigioso del mondo sportivo il «Laureus World Sport Award». Il re del tennis, che mantiene il primo posto in classifica dal febbraio del 2005, ottiene il fantastico riconoscimento per il secondo anno consecutivo. La giuria composta da 42 grandi campioni del passato ha scelto Federer preferendolo a Tiger Woods, Valentino Rossi, Fernando Alonso, Lance Armstrong. «È un privilegio enorme», ha commentato Federer, che oggi a Parigi inizia il cammino verso l’unico trono che non ha mai conquistato, quello del Roland Garros.
La seconda prova del Grande Slam, la più lunga e la più dura perchè si gioca sulla terra, per la prima volta nella storia prende il via con un giorno di anticipo. Si gioca di domenica ed è subito tutto esaurito. Nel Gala dello Sport a Barcellona onore al merito anche a Rafael Nadal. "El Matador del Tennis" è stato nominato "Newcomer of the year" per la stagione stellare, il 2005, in cui ha vinto gli 11 migliori Tornei del Circuito e 4 Master Series. Nadal al Roland Garros difende il titolo nel duello tra due protagonisti straordinari, dal diverso stile. Da una parte Federer, il campione in bianco, che non suda, che non si affatica. L’uomo dai gesti facili e dal talento incredibile. Dall’altra Nadal il ragazzo con la faccia da Indio, i muscoli di bronzo,lo scatto felino. L’eroe popolare che ama la via dura e corre sempre in salita. Il tennista che saluta il punto vincente come si fa nella Corrida. Prima al Country Club di Montecarlo, poi al Foro Italico a Roma abbiamo assistito a due finali da sogno vinte da Nadal. La prima conquistata in 4 set, la seconda portata a casa al quinto uscendo dall’inferno di 2 match points. Gli appassionati ora chiedono il terzo atto ai due protagonisti. Qualche rischio lo corre Federer che potrebbe incontrare un guastafeste prima della finale. Mentre non vedo chi possa battere Nadal se è fisicamente integro.
Sei gli italiani al via nel torneo maschile: Volandri, Di Mauro, Seppi, Starace e Bracciali che affronta subito Sanguinetti in un derby. Otto le ragazze: Antonella Serra Zanetti, Vinci, Schiavone (la nostra tennista di punta, numero 9 del tabellone, che debutterà contro l’ucraina Bondarenko), Vierin, Pennetta, Santangelo, Camerin e la Garbin che affronta subito la numero 3 del tabellone, la ceca Koukalova.