Federer in spolvero Santangelo a casa

Lea Pericoli

Con le lacrime di Agassi si è chiusa una pagina di storia tennistica e Flushing Meadows ricomincia ad occuparsi di attualità. Roger Federer, dimostrando di aver ritrovato la sua buona forma, ha ceduto soltanto 6 game a Vincent Spadea. Oggi affronterà il francese Gicquel, che ha eliminato Gaston Gaudio, testa di serie n.21. Anche il giovane scozzese Andy Murray ha battuto Fernando Gonzalez, n.10, completando il ventaglio delle sorprese. A New York si è conclusa intanto anche l’avventura italiana. L’ultima ad uscire è stata Mara Santangelo e lo ha fatto con grandi meriti, opponendo una strenua resistenza ad Amelie Mauresmo: 6-3, 3-6, 6-2. Mara, nel terzo set, aveva fatto il break passando a condurre 2-0.
Il prossimo impegno delle azzurre comunque è alle porte. Il 16-17 settembre l’Italia giocherà in Belgio la finale della «Coppa Davis» femminile. La Clijsters non ci sarà, quindi abbiamo una bella chance. Ma le nostre tenniste devono ritrovare buona salute e forma. Flavia Pennetta si è ritirata dagli Us Open per un problema al polso, Francesca Schiavone ha perso un match già vinto contro Shaar Peer, dopo aver sprecato 5 match point nel tie break del terzo. La Shahar Peer ieri è stata umiliata da Justine Henin (6-1, 6-0) che si è così qualificata per i quarti. Anche se la Henin appare imbattibile, la finale contro un Belgio incompleto rimane per l’Italia una fantastica opportunità. Si tratta di un incontro che potrebbe trovare la soluzione nel doppio. Tornando a New York, fuori la Kuznetsova battuta dalla Jankovic per 6-7, 7-5, 7-5. Eliminato a sorpresa Robredo dal russo Youzhny per 6-2, 6-0, 6-1. Continua invece la corsa della bella Maria Sharapova, luccicante nel suo abitino da cocktail nero, che ha lasciato alla connazionale Likhovtseva soltanto cinque game.