Fegato nuovo per San Silvestro e la giovane è salva

La notte di San Silvestro una ragazza di 18 anni è tornata a vivere grazie al gesto di una signora di Avellino: la ragazza di Potenza, malata di epatite a causa di una malattia congenita, ha infatti ricevuto un fegato arrivato con urgenza da Avellino e che gli è stato trapiantato proprio quando mancavano poche ore al nuovo anno. L’intervento, lungo e complicato, è stato effettuato all’ospedale Policlinico Umberto I di Roma, ed è durato 6 ore.
«Tutto è avvenuto in tempi da record - ha spiegato il professor Pasquale Berloco direttore del Centro Trapianti del Policlinico Umberto I. Berloco ha voluto anche ricordare che l’operazione non sarebbe stata possibile senza la rete di coordinamento nazionale che consente di esaudire le richieste d’urgenza trapiantologiche con un programma coordinato dal Centro Interregionale Trapianti OCST del Policlinico Umberto I, alla quale fanno riferimento 9 regioni, e dal Centro Trapianti del Lazio.
«Voglio ringraziare tutti - ha concluso il direttore - per l’altissima professionalità e dedizione al servizio di pazienti che grazie alla generosità di altri possono tornare a vivere».