La felicità di pedalare sulle strade di Binda

Sono una quindicina di amici, uniti dalla passione per la bicicletta. Insieme gareggiano, da qualche anno, alla Maratona delle Dolomiti (in luglio), insieme programmano il leggendario giro del Grappa (partenza da Asolo, rigorosamente), un impasto di fatica e sudore ma anche di allegria, spensieratezza e mangiate, insieme hanno deciso di prendere il via alla Nove Colli, la gara che non può mancare nella vita di un ciclista amatoriale. Insieme si ritrovano, in periodi stabiliti, nel Varesotto per omaggiare se stessi e la memoria di un illustre, il più famoso, ciclista varesino, Alfredo Binda. E questa è una delle numerose, belle storie di vita che il ciclismo regala.
Un modo per allenarsi, socializzare, passare un week end diverso, lontano dalle tradizionali rotte dei ciclisti. Il gruppo di amici fa base, di solito, a Cittiglio, a villa Binda, dove vive la figlia del campionissimo con il marito e la famiglia. Un incontro come un altro? Assolutamente no. Alla base di tutto c’è una straordinaria pedalata lungo le località che hanno fatto la storia del nostro ciclismo - Brinzio, Cuvignone, Grantola - e dello stesso Binda. Percorsi lungo i quali il campionissimo si allenava, anche se oggi i tracciati sono ben diversi da allora. Ma i sentimenti e le emozioni sono sempre identici, perché l’animo umano ha bisogno di nutrirsi anche di queste sensazioni. Si pedala, dunque, e tanto, nel ricordo di un campione sempre presente e sempre verde.
Infine, proprio per concludere in bellezza il fine settimana, e per non farsi mancare nulla (non bisogna dimenticare mai che l’appassionato è un animale strano che vive continuamente di bici e di tutto ciò che è bici), il gruppo si reca «in pellegrinaggio» in uno dei santuari del ciclismo lombardo, a Casalzuigno da Peruffo, uno dei nostri migliori artigiani. Peruffo che è diventato uno dei punti di riferimento degli appassionati con il suo spazio espositivo, la sua area di manutenzione e, soprattutto, la sua capacità di trasformare ogni bici in un gioiello di cui andare fieri.