Feltri, la solidarietà dei lettori - 2

Spero non ti sia venuto un colpo apoplettico o un attacco di gastrite per la sospensione decretata nei tuoi confronti dall’Ordine dei gior­nalisti. Conoscendo l’ establish­ment da anni spostato su posizio­ni sinistrorse, c’era da aspettarse­lo che tu, ancorato su vecchie scuo­le di pensiero, saresti prima o poi finito nell’occhio del ciclone di quell’Ordine che, personalmen­te, ritengo un’istituzione inutile. Che tutela i forti e lascia al proprio destino i deboli, come nel caso dei giornalisti pubblicisti o dei free­lance. È da tempo che si promette a loro mari e monti, una categoria preziosa senza il cui concorso di­verse testate locali potrebbero tranquillamente chiudere i batten­ti. Siamo rimasti alle belle parole.
Giuseppe Da Sacco

Belluno


Ho sempre temuto che prima o poi avrebbero messo a tacere Vit­torio Feltri. È troppo onesto, bra­vo e coraggioso e la mordecchia è
scattata.
Margherita Barbi

Roma


Sono disgustata e schifata, come ha potuto, l’Ordine dei giornali­sti, anziché tutelare l’onestà e ve­rità. In questa Italia di oggi sono ascoltati e premiati i traditori e i ciarlatani. Mettono il bavaglio agli onesti. Feltri non si fermi, vo­gliamo sapere tutte le verità dal suo giornale, come sempre.

Amelia Lucon

fax


Forza Direttore! Siamo tutti con lei, almeno lo sono le persone per bene, proprio come lei. Un ab­braccio fraterno.

Patrizia Sala

e-mail


Voglio aggiungere la mia prote­sta e la mia opinione ai tanti mes­saggi che vi hanno già spedito cir­ca la sospensione di Feltri decisa dall’Ordine dei giornalisti.Io cre­do che sia chiaro a tutti che è sta­ta una decisione faziosa e bruta­le, decisa da persone che a mio avviso non hanno niente da spar­tire con la democrazia. Un com­portamento da comunisti di altri tempi. Credo che questo Ordine appoggi la sistematica disinfor­mazione di ben noti «giornaloni» che mentono quotidianamente su come si svolgono i fatti politici
ed altro.Allora forza con l’iniziati­va di abolirlo, perché troppo fazio­so, e tagliamo il problema alla ra­dice.
Mario Masotti

e-mail


Voglio esprimere solidarietà al Direttore e manifestare una pro­fonda preoccupazione per la si­tuazione politica generale che sta avvenendo in Italia. L’Ordine
dei giornalisti non è utile a nessu­no, si può tranquillamente chiu­dere. Di sicuro non è sopra le par­ti.
Francesco Biagini

Modena


Totale e incondizionata solidarie­tà al nostro grande Direttore Fel­tri. Le saremo sempre vicini.

Girolamo Cilibrasi

Castelfranco Veneto (Treviso)


Sono un assiduo e fedele lettore da oltre un ventennio e mi sento di esprimere al Direttore solida­rietà e vicinanza per questa in­degna e gravissima aggressio­ne. Forza Feltri, vada avanti co­si e ci faccia sempre sperare che è possibile ribellarsi alle ingiu­stizie per il bene della verità.

Bruno Verderosa

e-mail


Se pensano di imbavagliarla è evidente che non hanno tenuto conto dei suoi numerosissimi sostenitori ed affezionati letto­ri. Saremo noi la sua voce per gri­dare che questa decisione è in­degna di un Paese cosiddetto li­bero e civile. A ri-sentirla...anzi a ri-leggerla presto.

Simona Bandinelli

e-mail


Carissimo Feltri, non molli ora che ci sono le elezioni. Mandi al diavolo l’Ordine dei giornalisti. Cosa le possono fare di male che già non hanno fatto?

Flavio Manghi

e-mail


Sono indignata per la sua sospen­sione, le hanno chiuso la bocca o meglio la penna. La cosa più tragi­ca, però, è che alcuni suoi colle­ghi applaudono ( la dolce Concita e quelli di Repubblica ). È mai pos­si­bile che nemmeno un provvedi­mento cosi scandalosamente an­tidemocratico li smuova dalla lo­ro posizione faziosa? Parlano di li­bertà di informazione, di etica e potrei continuare con un elenco infinito di frasi fatte che mi fanno ridere perché dette e scritte da persone senza un minimo di coe­renza e schiave del loro «voler ap­partenere a...». Direttore, questi tre mesi passeranno e sono certa che la vedremo più determinato
che mai.
Adele Piccoli

e-mail


Oltre a voler esprimerle tutta la mia solidarietà in merito a que­sto, e non esito a definirlo tale, scempio della libertà di stampa e di opinione, peraltro garantite dall’art. 21 della nostra Costitu­zione, una cosa ci tenevo a dir­le: resista! Non si arrenda di fronte alle minacce di finti gior­nalisti politicanti.

Andrea Beduschi

Mantova