Il fenomeno Oprandi si arrende sul più bello

L’italo-svizzera battuta dalla Zvonareva all’ultimo tie-break. La Pennetta sconfitta dalla Hingis

Lea Pericoli

da Roma

L’avventura tennistica di Romina Oprandi a Roma si è conclusa come una favola alla quale è mancato solo il lieto fine. Arrivata al Foro Italico da sconosciuta, la ragazza nata in Svizzera con passaporto italiano grazie a un padre bergamasco, ha cominciato il torneo la scorsa settimana. Nelle qualificazioni ha superato: Mariana Diaz Oliva, Tiantian Sun. Nel tabellone principale ha vinto con: Kristina Brandi, Samantha Stosur. Nei quarti ha sfiorato un successo clamoroso, combattendo alla pari contro Vera Zvonareva, vincitrice degli US Open 2004. Romina si è arresa al tie break del set decisivo dopo aver avuto un match point sul 5-3 del terzo set. Secondo lei una stupenda avventura: «Arrivando al Foro Italico non sognavo un successo simile. Ora so di poter combattere alla pari con le top ten». Romina avrebbe meritato di vincere, ma sul match point un suo diritto è uscito di un soffio. Romina, in un italiano non troppo perfetto ha confessato: «Dopo la partita un poco ho pianto».
Il sogno di una vittoria azzurra è svanito nella sessione serale. Flavia Pennetta opposta a Martina Hingis non è stata capace di bissare il successo ottenuto all’inizio di questa stagione contro l’ex n. 1 del mondo. Martina Hingis ha vinto per 6-3, 6-1. Gli Internazionai d’Italia femminili arrivano così alle semifinali. Fuori Elena Dementieva n. 5 battuta dalla Dinara Safina n. 16 con un doppio 6-1. Oggi la sorella Marat Safin affronterà la Kutnetsova nel derby russo che deciderà il nome della finalista nella parte bassa del tabellone. Dall’altra parte del draw si incontrano Martina Hingis e Venus Williams. L’americana ha vinto con la Jancovic in 3 set. Assisteremo quindi al remake della finale romana del 1998, nella quale Martina batté Venus.