Ferita una ragazza di 14 anni

Fino a una certa ora era stato un party come tanti. Poi, forse, qualcuno ha cominciato a esagerare con l’alcol; poi, forse, qualcun altro ha cominciato a esagerare con gli spinelli. Infine è spuntata - chissà da dove, chissà portata da chi - un’arma. Una pistola. Carica. E allora il troppo alcol bevuto e i troppi spinelli fumati hanno «suggerito» ai giovani più sballati di cominciare a «giocare» con quella «cosa» da grandi. Il «gingillo» passa da una mano all’altra, finché casualmente parte un colpo. Il proiettile ferisce una ragazza di 14 anni. Tra i ragazzi è il terrore. Arriva la polizia e ferma il padrone di casa: Alain-Fabien Delon, 17 anni. No, non è un caso di omonimia; si tratta proprio del figlio di Alain Delon. L’attore, ora, è sotto choc. Suo figlio, invece, è sotto interrogatorio. Fabien, nato dalla relazione tra Alain con la top model olandese Rosalie Van Breemen, rischia di diventare il perfetto capro espiatorio di una tragedia dai contorni ancora sfuocati.
Di certo si sa solo che una quattordicenne è rimasta gravemente ferita dopo essere stata raggiunta da un colpo di arma da fuoco allo stomaco, sparato durante il festino organizzato dal Alain junior nel domicilio del padre a Ginevra. Alain-Fabien - come ricostruisce l’Ansa - risiede in quell’abitazione, situata nel quartiere Florissant, da quando Delon ha ottenuto il suo affidamento a fine 2010. Il giornale elvetico Le Matin indica che l’autore involontario dei colpi, esplosi intorno alle 21:30, «sarebbe il figlio del celebre attore». Ma per la Tribune di Geneve, un altro giornale elvetico, «non è stato lui a sparare, ma un altro adolescente di 14 anni», aggiungendo di essere venuto a conoscenza del fatto che «l’arma, una pistola, si trovava in casa Delon e che i ragazzi non sapevano che fosse carica».
Secondo il sito internet francese Purepeople, il figlio dell’attore è stato comunque fermato dalla polizia in quanto considerato in qualche modo «responsabile» dell’incidente, che secondo le prime ricostruzioni sarebbe stato causato maneggiando una pistola che si trovava nell’appartamento. Intanto, Alain Delon - che era assente al momento dei fatti - ha raggiunto immediatamente Ginevra per stare vicino al figlio. L’attore potrebbe anche essere considerato responsabile, in quanto Alain-Fabien è ancora minorenne.
La ragazza di 14 anni - sempre secondo il racconto dell’agenzia Ansa - è stata immediatamente ricoverata in ospedale, insieme ad una seconda persona, profondamente scioccata, che è sotto osservazione. Secondo i vicini, dopo l’incidente, la vittima è stata subito condotta in ascensore nella hall dell’edificio, in un’atmosfera da incubo. Una vicina ha testimoniato che tutti gli adolescenti erano in lacrime, molto turbati.
L’indagine, di cui è incaricata la brigata criminale elvetica, è attualmente in corso e Alain-Fabien è stato interrogato dagli inquirenti, che confidano di avere più informazioni sull’accaduto dopo la visione delle telecamere di sorveglianza dell’abitazione. Delon aveva ottenuto l’affidamento del figlio - che ha vissuto un periodo difficile, tanto che nel 2010 aveva frequentato una clinica di disintossicazione per problemi di droga - grazie alla decisione del tribunale di Parigi. Da allora, frequentava un istituto privato della svizzera romanda (cioè la parte di Svizzera francofona) ed era seguito assiduamente da uno psicologo. Tuttavia, secondo Purepeople, dopo che il primo incontro con un medico specializzato non si era svolto serenamente, Delon ha rifiutato che il figlio continuasse quelle cure. Ora, sul suo destino, un’altra tegola. Pesantissima.