Fermagli e cerchietti La primavera fiorisce tra i capelli

Il trucco ora sta nelle chiome (sciolte): basta scegliere il dettaglio giusto. Alla sera invece labbra rosse e sugli occhi eyeliner magari blu

Margherita TizziUn cerchietto o un nastrino colorato, un fermaglio metallizzato, un pettinino vintage o addirittura una tiara di diamanti. Mettetevelo bene in testa, letteralmente parlando: da questa primavera le chiome si sciolgono, si abbandonano le piastre e si rispolverano i vecchi accessori per dare un tono regale all'acconciatura. Per Ermanno Scervino, N°21, Alberta Ferretti, Zuhair Murad ed Elie Saab tutte le donne possono essere regine per un giorno o una notte. Ecco allora i gioielli di Valentino che ricordano le antiche tiare romane; ecco i foulard anni '60 di Stella Jean che raccolgono i capelli in un look bon ton e chic; ecco le tiare principesche di Saint Laurent by Hedi Slimane che ricordano quella indossata da Kate Middleton per il matrimonio con William d'Inghilterra. Insomma, basta scegliere il dettaglio giusto per essere uniche e protagoniste. Ai capelli naturali, arricchiti solo da qualche accessorio, corrisponde un «non make-up». «La donna vuole sentirsi libera e se stessa in un trucco naturale, senza stagione. La femminilità non è più frivola», racconta Michele Magnani, global senior artist Mac Cosmetics, brand che segue più di 200 stilisti nei beauty backstages delle sfilate. Il mondo del make-up, dunque, non è mai stato così vicino a quello dello skincare: i due rami della cosmesi collaborano per offrire prodotti che non trasformino la pelle, ma che la rendano leggera, luminosa e impeccabile. E l'unico modo per valorizzare l'incarnato e far risaltare la bellezza naturale del viso è rispettare la detox routine quotidiana (detergere, tonificare, esfoliare, idratare) e completare il rituale con un primer, un correttore e una crema idratante colorata o una BB Cream. A questo punto si può uscire di casa. La sera basterà riguardare lo sguardo e le labbra. Per quanto riguarda gli occhi, si prenda spunto da Cleopatra. Quella sottile linea nera leggermente allungata alla fine, che fece impazzire le dive degli anni '50, rende la donna sexy, raffinata e intramontabile. Oggi si può sostituire l'eyeliner nero con un blu cobalto, deciso e acquatico. Le labbra? Sono forti, importanti e rosse. «Le labbra rosse sono l'ultimo accessorio di bellezza democratica; tutte le donne possono farle proprie» ha detto Lyne Desnoyers, director of make-up artistry Mac Cosmetics. Scintillanti o opachi, rossetti o gloss, tutti i rossi sono apprezzati, dai classici agli arancio. Ma attenzione ai denti. Il rosso, infatti, va scelto con cura. In altre parole: chi ha denti tendenti al giallo o allarancio deve evitare le nuance calde, come i rossi aranciati, il corallo, il rosa caldo, e optare per tonalità fredde dal sottotono blu, come il prugna, il rosso magenta e il rosso fragola. Chi ha denti con sottotono grigio o tendente al marrone, invece, può sceglier tonalità rosse e vivaci nei toni del fucsia, rosa intenso, rosso cardinale, ciclamino. Infine, chi ha labbra carnose utilizzi rossetti matte dalleffetto opaco in tonalita piuttosto intense e scure; chi ha labbra sottili si aiuti con gloss e rossetti lucidi o ultra-brillanti dai colori tenui.