Fermate due bande di baby-rapinatori

Baby rapinatori in azione nella capitale. Ieri due ragazzi di 14 e 16 anni sono stati arrestati dai carabinieri di Tivoli per aver aggredito con calci e pugni e poi rapinato di un cellulare due loro coetanei, nel parcheggio del centro commerciale di Ponte di Nona.
I due hanno prima preso di mira un ragazzino, malmenandolo, poi hanno aggredito l’amico della vittima, accorso in suo aiuto. Una pattuglia ha notato la scena e bloccato i teppisti, che sono stati portati nel centro di prima accoglienza di via Virginia Agnelli e dovranno rispondere di rapina e lesioni personali. I feriti, invece, soccorsi e trasportati all’ospedale «San Giovanni Evangelista» di Tivoli, sono stati giudicati guaribili rispettivamente in cinque e sette giorni per lesioni al volto.
Sempre ieri un romeno e due italiani, di 18 e 16 anni, con precedenti per furto, sono stati identificati e arrestati dai carabinieri della compagnia Cassia.
A settembre, con indosso un passamontagna, armati di coltello, erano stati scoperti da due stranieri dello Sri Lanka mentre tentavano di forzare la serratura di un’auto parcheggiata in via Antonio La Branca. I due passanti avevano provato a fermarli, dando l’allarme. I ragazzi, però, avevano reagito colpendoli con calci e pugni e rubando anche il telefono cellulare a uno di essi. Poi erano scappati facendo perdere le tracce. Ora si trovano rinchiusi nell’istituto penale minorile di Casal del Marmo.