Fermati dopo il «colpo» Per sfuggire alla polizia travolgono un agente

Avevano appena compiuto un furto in uno studio di ragioneria e la polizia li ha fermati per un controllo: prima hanno accostato e, dopo aver fatto scendere uno di loro, hanno ingranato la marcia e sono scappati su un’auto che avevano rubato, buttando a terra un agente che, medicato subito al Policlinico, guarirà in 15 giorni. È accaduto tutto ieri mattina all’alba in viale Romagna. Tre, sudamericani, fermati a bordo di una Fiat Brava da una volante della polizia, hanno finto di collaborare con gli agenti. E, dopo aver accostato al marciapiede, hanno fatto scendere il passeggero seduto dietro, un cileno di 24 anni, poi sono fuggiti investendo un poliziotto di 36 anni. La vettura rubata è stata poi ritrovata contro un semaforo in piazzale Corvetto, abbandonata e con la refurtiva all'interno: uno zaino e una borsa con un computer, appartenenti appunto allo studio di ragioneria appena svaligiato. Il ladro «scaricato» dai due complici è stato arrestato. Addosso l’uomo aveva un biglietto che indicava l’indirizzo di uno stabile di via Giacosa (zona viale Monza), il suo attuale domicilio. Nell’appartamento la polizia ha trovato altri 6 schermi di computer rubati e le chiavi di una Nissan Primera, parcheggiata in strada e risultata rubata a Genova.