Fermo tra due auto in sosta travolto da un clandestino

Un guasto all’auto di notte si è trasformato in tragedia. Sarà indagato per omicidio colposo, il trentenne conducente senegalese che alla guida di una Renault Laguna, su cui viaggiava anche un suo connazionale, ha schiacciato e ucciso Walter G., 49 anni, tra la sua auto, una Opel Corsa, e quella della moglie, una Fiat Panda. È accaduto nella notte tra domenica e lunedì - poco dopo le 3 - alle porte di Pomezia.
Ma le indagini dei carabinieri di Pomezia proseguono perché i due extracomunitari risultano essere privi del permesso di soggiorno e senza fissa dimora; sembra che per vivere facessero lavori saltuari. La vittima era un operaio specializzato in un ditta di elettronica di Roma. Viveva con la moglie e i figli a Torvajanica. Al momento in cui è stato ucciso, l’uomo stava decidendo se trainare con una corda la sua auto in panne.
Secondo una prima ricostruzione dei militari, la vittima stava ritornando a casa, quando in via Arno, strada che costeggia l’aeroporto di Pratica di Mare, la sua auto è andata in panne. Ha telefonato alla moglie per farsi dare una mano e lei lo ha raggiunto con la sua vettura. Proprio mentre l’uomo stava tra le due auto, la sua e quella della moglie, per collegare i cavetti, un’altra auto è sopraggiunta a forte velocità e l’uomo è morto schiacciato. La moglie è riuscita a salvarsi perché si è lanciata in una cunetta al bordo della strada.
Dopo una telefonata al 112 sono arrivati i carabinieri di Pomezia che hanno vagliato la posizione dei due senegalesi: il conducente è stato sottoposto al test dell’etilometro che è risultato negativo. Il passeggero ha ammesso ai militari che l’auto su cui viaggiava procedeva a fortissima velocità.