Ferragosto 2007, strage con 6 morti

Era Ferragosto del 2007 quando dopo le due di notte a Duisburg, in Germania, fuori dal ristorante italiano Da Bruno, si è consumato uno dei regolamenti di conti tra cosche criminali tra i più sanguinari di sempre. In stile gangster anni Trenta, nell’agguato sono stati sparati 70 colpi di fucile, per uccidere 6 giovani, tutti finiti con un colpo alla testa. Le vittime, Tommaso Venturi, 18 anni, Francesco Giorgi, 16 anni, Francesco Pergola, 22 anni, Marco Pergola, 20 anni, Marco Marmo, 25 anni e Sebastiano Strangio, 39 anni, gestore del bar, erano tutti calabresi, per lo più originari di Siderno e San Luca. La strage è stata subito inquadrata nell’ambito della ’ndrangheta, e della faida di San Luca, che dura dal 1991 tra le ’ndrine rivali dei Nirta-Strangio e dei Vottari. Secondo gli inquirenti, i sicari sarebbero arrivati direttamente dalla Calabria per eseguire la strage. Mentre le vittime, disarmate, sono state colte totalmente di sorpresa.