Ferrari e Trulli sponsorizzano Torino 2006

da Suzuka

In chiave italiana, a Suzuka si è parlato più di olimpiadi che di motori. Nel senso che Jarno Trulli ha annunciato che sarà uno dei tedofori ai Giochi invernali e la Ferrari ha applicato su entrambe le monoposto il logo di Torino 2006, «un evento che ci sta molto a cuore», ha sottolineato Jean Todt. Per il resto, la pista racconta di Raikkonen di nuovo tradito dal motore, «però in fondo è stato fortunato», sottolinea, e non a torto, il campione del mondo Alonso, «perché è lo stesso motore che aveva in Brasile in gara e se gli si fosse rotto là, ora avrebbero meno punti nella classifica costruttori». La prima giornata di libere si è conclusa con il miglior tempo assoluto del collaudatore McLaren-Mercedes De La Rosa, seguito dal collega tester in Toyota Zonta e da Schumi. Lontani Montoya (7°), Alonso (8°), Fisichella (9°) e Raikkonen (11°). La Ferrari comunque non si illude: «Probabilmente siamo stati avvantaggiati dall’aver usato gomme nuove nel pomeriggio. I valori in campo non sono cambiati rispetto al Brasile». Parola di Schumi.