Ferrovie, ridotte le perdite nel primo semestre 2007

da Milano

Ferrovie dello Stato presentano dei conti in via di miglioramento. Il gruppo guidato da Mauro Moretti ha chiuso il primo semestre 2007 con un risultato netto negativo di 279 milioni di euro, in riduzione di 842 milioni di euro rispetto al risultato netto negativo nello stesso periodo del 2006, che era stato pari a 1.121 milioni di euro.
Lo si legge in una nota diffusa al termine del consiglio d’amministrazione che ha approvato i conti: «Pur permanendo una situazione finanziaria difficile, ereditata dalle passate gestioni, - si legge nella nota - l’andamento economico del primo semestre 2007 evidenzia miglioramenti significativi rispetto al primo semestre dell’anno precedente e alle previsioni di budget. Tali risultati sono da ascrivere ad un sostanziale recupero di efficienza, in coerenza con il percorso definito nel piano industriale 2007-2011. Nonché al parziale recupero della contribuzione pubblica a fronte dei servizi resi».
Il miglioramento, continuano le Ferrovie, si riflette sia sul margine operativo lordo che sul risultato netto. Il margine operativo lordo si attesta infatti su un valore positivo di 65 milioni di euro, con un incremento di 384 milioni di euro rispetto al primo semestre del 2006 (meno 319 milioni). Il risultato riflette un miglioramento sia dei ricavi operativi, per 317 milioni di euro (più 9,6%), che dei costi operativi che si riducono di 67 milioni (meno 1,8%).
Gli investimenti realizzati nel primo semestre 2007 dal gruppo ammontano a 2.982 milioni di euro, con un incremento di 112 milioni rispetto allo stesso periodo del 2006. Su base annua si prevede un livello di investimenti di 7.235 milioni di euro.