Ferrovie/2 «Concorrenza ok, ma anche su tratte poco redditizie»

La concorrenza nel trasporto ferroviario è alla pari solo se vengono messe a gara sia le tratte profittevoli che quelle in perdita. «I nuovi entranti arrivano solo dove si fanno i soldi», ha detto l’ad del gruppo Fs, Mauro Moretti. «Così facendo svuotano elementi di compensazione con le altre tratte. Bisognerebbe agire come fanno in Gran Bretagna: mettere in gara “cherries and potatoes“ (ciliegie e patate, bello e brutto, ndr) - ha aggiunto Moretti -; in Italia 150 tratte su 400 a lunga percorrenza sono in perdita». Sempre sul tema della concorrenza Moretti ha ricordato che in Italia c’è già Deutsche Bahn. «Noi abbiamo chiesto di entrare in Germania con le merci, ma ci hanno sbattuto la porta in faccia. Il mercato tedesco è aperto sulle tratte locali e piccole ed è chiuso su quelle più redditizie». Moretti ha confermato l’accordo con il gruppo francese Veolia per realizzare treni notturni tra Italia e Francia a partire dall’estate 2011 dopo le indiscrezioni di «Les Echos». L’ad ha anche parlato di una possibile quotazione di Fs in Borsa nel 2011.