Festa della Befana, un fumogeno incendia la villa comunale

Elena Gaiardoni

Molta paura, ma poi la Befana ha fatto solo tanto fumo ieri pomeriggio a villa Zorn (nella foto), storico edificio comunale di Sesto San Giovanni. Che alla «vecchia» si dia fuoco è vetusta tradizione, ma i festeggianti di Sesto non avevano assolutamente questa intenzione quando per celebrare il 6 gennaio hanno calato il pupazzo della «strega» dal tetto attaccato a un filo, per poi accendere tre fontanelle di piccoli petardi che fanno zampilli di scintille.

Sembra che uno di questi sia rimasto sul tetto dell'edificio dove si è sviluppato un principio di incendio. Immediato l'intervento dei vigili del fuoco, sia del distaccamento di Sesto che di quello di Monza e dei carabinieri. L'edificio ospita al piano terra un ristorante e al primo piano un centro di associazioni culturali che ieri, essendo festa, era vuoto. Era proprio una di queste associazioni a dar vita al consueto rito dell'Epifania, quando il piccolo incidente ha scatenato una forte preoccupazione tra i presenti, intervenuti per concludere in bellezza le festività natalizie.

L'incendio è stato arginato in poco tempo grazie all'intervento dei pompieri e senza danno per nessuno. Le indagini appureranno la vera causa di un principio di incendio.

Secondo una nota dell'amministrazione «da una prima ricostruzione, sembrerebbe che a provocare il fuoco sia stato un fumogeno posizionato sulla torretta della Villa. L'amministrazione comunale, in attesa di conoscere l'esatta ricostruzione dell'accaduto e l'entità dei danni, si impegna fin da subito ad adottare tutte le misure necessarie per salvaguardare e ripristinare lo storico edificio, ivi compresa la richiesta di risarcimento rivolta ai responsabili dell'accaduto».