Festa della Libertà al Palacongressi per ricordare la caduta del Muro

Ultimi preparativi al Palazzo dei Congressi dell’Eur dove oggi pomeriggio, con inizio alle 17, si terrà la prima «Festa della Libertà», organizzata da Forza Italia, che sarà conclusa da un intervento del leader Silvio Berlusconi. L’iniziativa prende spunto dalla legge (la n° 61) approvata in Parlamento il 15 aprile scorso che istituisce il «Giorno della libertà» in ricordo dell’abbattimento del muro di Berlino, il cui sedicesimo anniversario ricorre, appunto, oggi. Oltre alla grande manifestazione «azzurra», sono in programma per oggi altre iniziative, come quella organizzata dall’associazione per l’amicizia italo-germanica che si terrà alle 19.30 a Palazzo Marini della Camera dei deputati, alla quale parteciperanno il capogruppo di Forza Italia al Parlamento europeo Antonio Tajani, il ministro dei Rapporti con il Parlamento Carlo Giovanardi e numerosi parlamentari del centrodestra.
Anche Azione giovani ha organizzato per oggi a Roma una mobilitazione «Contro i muri in Europa per l’Europa contro i muri». Tre la mattina e una conclusiva il pomeriggio. Nelle prime tre i giovani di An chiederanno nell’ordine: diritti e libertà per il popolo irlandese, la restituzione dei beni agli esuli e il riconoscimento dei martiri delle Foibe come condizione per entrare nell’Unione europea. A concludere la giornata la manifestazione a Ponte Sant’Angelo dove Azione giovani manifesterà per un ruolo pacificatore dell’Europa nello scenario mediorientale.
Una curiosità riguarda invece, l’XI municipio (Garbatella-Ostiense) guidato da una maggioranza di sinistra-centro e guidato da Massimiliano Smeriglio (di Rifondazione comunista), balzato nei giorni scorsi agli onori delle cronache cittadine perché voleva impedire il passaggio sul suo territorio dei tedofori «sponsorizzati» dalla Coca Cola. Ieri c’è stata una bella sorpresa: il gruppo consiliare di Forza Italia è riuscito a far approvare un ordine del giorno con il quale si impegna il municipio ad aderire ufficialmente al Giorno della libertà in ricordo dell’abbattimento del muro di Berlino. L’iniziativa è stata del coordinatore territoriale degli azzurri Simone Foglio che ha presentato l’odg ed è riuscito a portarlo in votazione in un momento nel quale in aula erano presenti 7 consiglieri del centrodestra e solo 6 del centrosinistra: questi ultimi, per evitare la figuraccia di dover votare contro, hanno preferito astenersi. Il documento fa esplicito riferimento alla legge nazionale 61/2005 che prevede «l’istituzione del Giorno della libertà in ricordo dell’abbattimento del muro di Berlino, evento simbolo per la liberazione di Paesi oppressi e auspicio di democrazia per le popolazioni tuttora soggette al totalitarismo». L’odg presentato da Foglio impegna il presidente dell’XI municipio e gli organi competenti «a promuovere uno o più dibattiti-approfondimenti rivolti alle scuole del territorio, da svolgersi presso la sala consiliare o le scuole stesse» e a formalizzare l’adesione dello stesso municipio «alle commemorazioni ufficiali organizzate in occasione del 9 novembre».